Seguici    
Accedi
 

.salute - Puntata 5. L`ABC dell`Educazione Alimentare

 

La dieta Mediterranea è riconosciuta come patrimonio dell’Unesco e racchiude un insieme di corrette e sane abitudini alimentari che sono alla base di uno stile di vita autentico, fondato sulla condivisione dei pasti.
È per questo che gli studenti dell’Istituto Villa Flaminia di Roma apprendono, già nelle prime classi della scuola primaria, l’ABC del mangiar bene, approfondendo uno dei vari temi del progetto interdisciplinare Scuola-Cibo promosso dal Miur.

Partendo dalle prime regole fondamentali, come il bere molta acqua, mangiare frutta e verdura e di stagione e preferire un regime alimentare che preveda cinque pasti al giorno, i piccoli alunni scopriranno anche l’importanza di abbinare, ad una dieta equilibrata, la giusta dose di attività fisica.
Grazie al contributo di Alessandro Vienna, Docente di Educazione Sanitaria e Alimentare presso l’Università La Sapienza di Roma, approfondiamo il tema delle patologie legate all’alimentazione.

 

 

È possibile misurare giuste porzioni anche in base al concetto di Quantità Benessere, ossia la misura in grammi di un alimento che corrisponda, in termini di quantità e qualità, al suo consumo ideale, e che sia associata a tutti gli alimenti della piramide alimentare.
La definizione di Quantità Benessere ci insegna a bilanciare nella settimana porzioni numericamente corrette dei diversi alimenti. Un esempio? Possiamo concederci senza ripensamenti una pizza a pranzo se a cena non assumiamo altri farinacei: da sola, con i suoi 120 grammi circa di pasta, corrisponde quasi interamente alla quantità di carboidrati necessari in un giorno.