Seguici    
Accedi
 

I LABIRINTI

L’unità audiovisiva, tratta da una trasmissione del DSE, Dipartimento Scuola Educazione del 1987, ripercorre la storia del labirinto, partendo dalla sua leggenda più famosa che risale a Creta, intorno al 1600 a.C.. Anche se è poco attendibile, si racconta che il Palazzo di Cnosso fosse la sede del labirinto dove si sarebbe svolta la storia tra Teseo e Arianna, figlia di Minosse, re di Creta, e il Minotauro che univa la natura d’uomo a quella di toro. Il motivo del labirinto è presente anche nei mosaici romani, soprattutto nei pavimenti, che ne costituiscono il più vasto complesso di raffigurazioni antiche. Nel Medio Evo continua l’interesse per questi dedali, presenti sia nei manoscritti, molti a carattere religioso, sia nelle Chiese, e prosegue, poi, nei secoli successivi. Il matematico Anthony Phillips tenta di classificare i labirinti presenti nelle diverse culture del mondo, traducendoli in formule matematiche ed in motivi musicali. Fino alla metà del XVI sec., ci sono esclusivamente labirinti ad una sola via, ma dopo, soprattutto nei giardini, se ne creano altri in cui ci sono incroci che obbligano ad una scelta per poterne uscire.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo