Seguici    
Accedi
 

LA MATEMATICA E LA CRISI DI INIZIO NOVECENTO. STORIA DELLA SCIENZA

Le unità audiovisive dal titolo comune Storia della scienza, tratte dal progetto di Rai Educational Pulsar, propongono il racconto, in ordine cronologico, delle radicali trasformazioni introdotte dalla scienza e dalla tecnologia nel corso del Novecento. Lo scopo è quello di fornire agli insegnanti un supporto didattico che, oltre a sintetizzare i concetti basilari, ponga l'accento su un aspetto spesso trascurato dai libri di testo: la dimensione storica e culturale che ha favorito il progresso scientifico.
Apre l'unità l'intervento di Giorgio Israel, professore di Storia della matematica presso l'Università di Roma La Sapienza, sulla concezione della matematica tradizionale: una scienza costituita da "poche leggi semplici e chiaramente esprimibili, rappresentabili e studiabili". L'intervento di Enrico Bellone, docente di Storia della scienza all'Università di Padova, verte invece sul rapporto tra fisica e matematica e sull'idea newtoniana di natura armoniosa. Giorgio Israel, in un nuovo contributo, sottolinea l'impatto della meccanica quantistica nel campo della ricerca matematica: le equazioni differenziali, con cui si spiegava tutto, non sono altro che una delle chiavi di interpretazione del mondo. Abbandonato l'ottimismo della scienza classica, si arriva alla fondazione di una nuova matematica, che si identifica con una corrente di pensiero: il formalismo, di cui David Hilbert (1862-1943) è la figura più rappresentativa. Il tentativo di Hilbert, conclude Israel, di formalizzazione della matematica, tramonterà negli anni Trenta, con l'enuciazione del teorema di incompletezza di Kurt Gödel (1906-1978).

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo