Seguici    
Accedi
 

NATHANIEL HAWTHORNE: LA LETTERA SCARLATTA. LETTURE D`AUTORE

Nathaniel Hawthorne (Salem, Massachusetts 1804 - Playmouth, New Hampshire 1864) pubblicà La lettera scarlatta nel 1850, nella stagione più felice della letteratura e del pensiero americano. Queste le parole che Rossana Rossanda usa per analizzare il romanzo della scrittrice americana. E` la stagione in cui - continua la Rossanda - ci si chiede cosa sia l`America, quella in cui ci si interroga sulla propria identità, per darsi una risposta tragica, legata al distacco dalle radici. Così come è in Melville anche per la Hawthorne, mentre altri autori dell`epoca esaltavano l`assoluta novità dell`esperienza, come Emerson, Thoreau, Whitman.
La Rossanda analizza i due emblemi intorno a cui si snoda il romanzo: la "A", simbolo vergognoso dell`adulterio, che la protagonista Esther sfoggia sul petto, in forma di meraviglioso ricamo, e la gogna. La Hawthorne chiude il romanzo con alcune pagine, a parere della Rossanda, inutili, un inutile "happy end". Ed è la nota stonata che toglie la vera grande forza del libro.
Un peccato, ricorda, che aleggia probabilmente nel misterioso carteggio tra Hawthorne e Melville, dove il primo confessava un episodio incestuoso della sua famiglia; un peccato delle origini per l`autore della Lettera scarlatta, aggiunge, discendente da una famiglia di Salem, da un ceppo di grandi persecutori delle streghe.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo