Seguici    
Accedi
 

Alessandro Loppi - Facebook sa chi sei. E tu no

Tassonomia digitale di massa. Anche quando non siamo nel social network, grazie a dei codici di tracciamento invisibili (i Facebook Pixel) presenti in molte pagine del Web, permettono a Facebook di sapere quali siti abbiamo visitato o, per esempio, quali articoli abbiamo letto o quali prodotti abbiamo anche soltanto valutato e non acquistato nei negozi online. Sulla base di tutti questi dati Facebook crea un dossier su ciascuno di noi, classificandoci secondo circa 52.000 categorie